• C’era una volta Il Natale, il mio Natale, quello vero, fatto di incontri reali, di abbracci di ritorni nella mia famiglia dove c’era ancora mio padre. Questo Natale era annunciato al telefono dalla sua voce squillante: già il primo dicembre, infatti, iniziava a fare il conto alla rovescia dei giorni che mancavano al nostro arrivo.…

  • Non si è mai pronti per il Natale. Mai. È inutile, infatti, animarsi di buoni propositi per non farsi prendere alla sprovvista, ma, anno dopo anno, è una corsa inutile. Anche se verso la fine di ottobre i supermercati, mostrando già panettoni o pandori innevati di zucchero a velo, tentano di svegliarci dal torpore dell’estate…

  • Avere anche bisogno di uno spazio in cui nascondere qualcosa di personale, di intimamente e gelosamente personale è verità indiscussa. Spesso si tratta di pagine che docili accolgono ricordi veri o storie inventate, fantasie teatrali o letterarie, scritte senza pretese in un momento di complicità con se stessi e lasciate al riparo da occhi e…

  • Il romanzo inizia con l’immediata notizia del fidanzamento della giovanissima Annuzza Milazzo, figlia della za Calogera Tess’e mancia, con il massaro Pasquale Stancavuò.Sin dalle prime pagine le fisionomie dei personaggi principali si rivelano incompatibili fra di loro e si ha quasi un’intuizione delle dinamiche che muoveranno le vicende della trama.Da una parte si muove il…

  • Delle tre scrittrici siciliane, con le quali abbiamo voluto incamminarci in questo viaggio letterario nella Sicilia tra l’Otto e il Novecento, Elvira Mancuso (1867-1958), appare la più determinata e impegnata nella rivendicazione della tanto sofferta autonomia femminile.Se Maria Messina aveva fatto del suo mondo artistico una via di fuga e di salvezza al soffocante isolamento…

  • Questo momento arriva nell’anno 1922.La signora Capuana, già vedova dal 1915, è unica proprietaria del manoscritto originale del romanzo “I Malavoglia” che Verga aveva donato all’amico Luigi Capuana e, dando prova di una grande sensibilità artistica oltre che affettiva nei confronti dei vecchi amici del marito, mette in vendita il prezioso manoscritto. Lo invia a…

  • La combinazione dei due cognomi con cui viene qui presentata la scrittrice, siciliana d’adozione, suggerisce immediatamente il confronto con il pirandelliano “Giustino Roncella nato Boggiòlo”.Come questo personaggio che da insignificante impiegato viene felicemente catapultato nel mondo della moglie, una celebre scrittrice del cui successo vuole essere il regista, anche Adelaide Bernardini viene inaspettatamente proiettata nella…

  • Nata nel 1887 ad Alimena in provincia di Palermo da Gaetana Valenza Traina, una nobildonna decaduta, e da Gaetano, ispettore scolastico, Maria Messina sembra trovare nella sua biografia elementi chiave della sua narrativa. Vive un’adolescenza non molto serena: è, infatti, isolata da tutti, chiusa all’interno della sua famiglia da cui la salva il fratello aiutandola…

  • Tra le tante attività da cui le donne di qualche tempo fa erano escluse, oltre a quelle ritenute socialmente maschili, c’era anche la scrittura, intesa come vera e propria attività letteraria. Di questa esclusione, creduta inconfutabile, si fece portavoce anche Benedetto Croce che, agli inizi del XX secolo d.C., sosteneva che le donne, appunto perché…

  • “Contessa, cos’è mai la vita…”forse questo si chiedeva Antonio Bruno, barone di Biancavilla, nella sua camera dell’albergo Italia a Catania in una solitaria sera d’estate.Con i versi di Carducci si interrogava e aggiungeva “ È l’ombra di un sogno fuggente”.Fuggente fu proprio la vita di Antonio Bruno, nato a Biancavilla nel 1891 e morto a…